Alle Porte del Paradiso

Alle Porte del Paradiso

Un vecchio lasciato all’ospizio, l’insofferenza e i suoi deliri, i suoi sbiaditi ricordi, la morte. In scena, coi burattini,  una suora e un giovane animatore, due figuri sproporzionati, simboli viventi della macchina assistenziale per gli ultimi anni di vita: carcerieri o angeli custodi?

La trama è stramata: le giornate trascorrono, il tempo si annulla nella estrema vecchiezza e il presente svanisce con la perdita della memoria. I ricordi divengono pulsioni che il corpo non è più in grado di realizzare, sogni o incubi che accompagneranno il protagonista verso l’uscita di scena finale. Comico, drammatico, evanescente come la vita.

“Ma viene da chiedersi: perché? Perché i due burattinai hanno deciso di affrontare simile argomento? Probabilmente è così perché i due sono ormai verso l’anzianità che prelude alla vecchiezza. Questo confronto con le varie fasi della vita è anche il modo migliore di rimanere umani. Rimanere umani richiederà di rimanere fedeli alla propria pazzia e lasciarle intorno uno spazio vitale. E’ evidente quindi che lo spettacolo è assolutamente da vedere!” (Carl Gustav Jung, via tavolino a tre gambe)

 

Video                          Immagini

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *